La storia dell'inchiostro e la sua produzione

Il seguente breve sguardo al passato può dare un'idea dello sviluppo dell "inchiostro" nel corso del tempo e di come la sua storia faccia parte della storia culturale a causa della sua appartenenza alla scrittura.

Proprio come la cultura superiore è inconcepibile senza l'arte della scrittura, che registra le sue conquiste in modo che possano essere preservate dall'oblio, comunicate al resto del mondo e conservate e tramandate ai posteri, così anche l'arte della scrittura stessa non può essere praticata con sufficiente efficacia senza strumenti adeguati.

Le rocce e le pietre in cui gli antichi Teutoni incidevano le loro rune, i mattoni e i vasi di argilla degli Assiri con le loro iscrizioni cuneiformi, le pesanti lastre di minerale degli Egizi e degli Israeliti, le tavolette di legno e di cera dei Fenici e dei Greci, le foglie e le cortecce degli Indiani, in cui questi popoli spesso scalpellavano, tagliavano, bruciavano e incidevano i loro caratteri con tedioso lavoro, erano solo in misura limitata adatti alla diffusione della cultura e quindi alla sua promozione.

Tuttavia, quando gli uomini impararono a preparare materiali di scrittura da materiali molto sottili e leggeri, come la pergamena e il papiro, e a scrivere su di essi con un mezzo di scrittura liquido, in modo che i pezzi di scrittura prodotti senza sforzo in poco tempo occupassero poco spazio, fossero molto leggeri e potessero quindi essere conservati in modo sicuro e conveniente a centinaia e migliaia, nonché trasportati facilmente e rapidamente, allora tali miglioramenti tecnici portarono anche un progresso culturale della massima importanza. Questo fu l'inizio dell'antichità classica.
Il consumo di inchiostro di un popolo è stato quindi giustamente descritto come una misura della sua cultura e l'inchiostro è stato messo al posto del sapone di Justus v. Liebig: un popolo che scrive poco è a un livello di istruzione inferiore.

I primi segni dell'uso dell'inchiostro sono stati trovati negli antichi paesi civilizzati di Cina ed Egitto, il cui ingrediente principale in entrambi i paesi era il nerofumo (inchiostro contenente fuliggine). L'inventore dell'inchiostro cinese o inchiostro di china si dice sia stato Tien- Tschen, vissuto durante il regno dell'imperatore Huangti (2697-2597 a.C.). All'inizio si applicava sulla seta da scrivere con l'aiuto di un bastone di bambù, più tardi con un pennello sulla carta che era stata inventata nel frattempo.

In Egitto, su rotoli di papiro sono state trovate scritte d'inchiostro fatte di fuliggine che, nonostante abbiano diverse migliaia di anni, conservano ancora il loro nero e la loro piena lucentezza, ma sono state scoperte anche scritte contenenti argento e platino sulle vesti delle mummie.

Kleines Rezeptbuch der historischen Tinten
Kleines Rezeptbuch der historischen Tinten
Rezepte zur Herstellung von Tinte. Liebevoll verfasst und umfangreich rechergiert. Rezepte, Inhaltsstoffe und Bezugsquellen auf 47 Seiten.
Contenuto:   ( € /  )

Calendario perpetuo con 12 opere d'arte a inchiostro alcolico e istruzioni, calendario a spirale, calendario da parete
Calendario perpetuo con 12 opere d'arte a inchiostro alcolico e istruzioni, calendario a spirale, calendario da parete
Calendario perpetuo con 12 motivi ispiratori a inchiostro alcolico e istruzioni di accompagnamento di Octopus Fluids. Regalo di alta qualità per tutte le persone creative.
Contenuto:   ( € /  )
Set stilografica Diplomat Aero arancia, campi in acciaio inox M, con inchiostro per stilografica in blu reale e astuccio in vera pelle
Set stilografica Diplomat Aero arancia, campi in acciaio inox M, con inchiostro per stilografica in blu reale e astuccio in vera pelle
L'innovativa stilografica Aero di Diplomat, arancia, con inchiostro blu reale, in un nobile set con un astuccio in vera pelle.
Contenuto:   ( € /  )
Penna stilografica Diplomat Excellence A2 Skyline rosso, pennino M
Penna stilografica Diplomat Excellence A2 Skyline rosso, pennino M
La penna stilografica Excellence A2 di Diplomat combina classe ed eleganza in modo inimitabile e garantisce anche un alto livello di usabilità quotidiana.
Contenuto:   ( € /  )

In Grecia, uno sfregamento di fuliggine e gomma e acqua era usato sotto il nome (greco) Schreibschwärze (inchiostro da scrittura), in Italia come atramentum scriptorium, oltre all'inchiostro di seppia preparato dal succo della seppia.

Ma anche gli inchiostri colorati erano in uso, specialmente quelli rossi fatti con il minio per le intestazioni e le lettere iniziali, e anche l'inchiostro sacro viola sacrum encaustum, che era fatto dal succo di due specie di lumache o conchylia, la purpura o pelagia e il buccinum o murer. Questo inchiostro, il cui colorante era probabilmente l'indaco, poteva essere usato solo dagli imperatori bizantini; a tutti gli altri era proibito usarlo sotto pena di morte.

Anche la scrittura in oro ebbe un ruolo molto importante nell'antichità, e la crisografia o l'arte di scrivere in oro divenne un mestiere molto diffuso, che anche gli imperatori romani orientali praticavano avidamente come hobby. Sulla pergamena viola, o l'intera scrittura era scritta in inchiostro dorato, come gli scritti sacri degli ebrei per Tolomeo Filadelfo, o solo il titolo e il resto del testo era scritto in inchiostro d'argento, come la traduzione della Bibbia di Ulfilas nel famoso Codex argenteus.

Che un tipo di inchiostro di fiele di ferro fosse conosciuto anche nell'antichità è evidente da una comunicazione di Filone di Bisanzio del II secolo a.C. su un metodo segreto di scrittura che consisteva nello scrivere con fiele che si scioglieva, lasciandolo asciugare e poi bagnando la scrittura con una soluzione di un sale di rame contenente ferro.

L'inchiostro nero di fuliggine usato di solito, tuttavia, non aderiva saldamente alla pergamena e al papiro; poteva essere facilmente lavato via e graffiato e, dato il suo alto prezzo, questo veniva sfruttato scrivendo nuovamente sul documento dopo aver rimosso la prima scrittura. Tali manoscritti sono conosciuti come palinsesti, e sono spesso i pezzi più preziosi dei nostri archivi.

Purtroppo, però, molti di essi sono sbiaditi e decaduti nel corso del tempo, sono diventati difficili da leggere o si sono già completamente disintegrati; lo stesso vale per molti manoscritti semplicemente descritti. Tuttavia, poiché si tratta spesso di documenti di altissimo valore storico, che sono insostituibili, l'importanza della durabilità dei materiali di scrittura da utilizzare per i documenti può essere vista da questo.

Il fatto che l'inchiostro di fuliggine non aderisse saldamente al materiale di scrittura, che si sbriciolasse facilmente e che potesse essere facilmente rimosso di nuovo, fu probabilmente la ragione principale, insieme alla sua scarsa qualità di scrittura, per cui dovette gradualmente cedere il passo all'inchiostro di ferro gallico, che stava diventando sempre più comune. Secondo Graux, è stato usato solo raramente su pergamena a partire dal III secolo d.C., e dal XV secolo in poi non è stato generalmente più utilizzato.

L'inchiostro di ferro gallico, d'altra parte, divenne sempre più popolare nel Medioevo, con l'introduzione della carta al posto della pergamena e del papiro che giocò un ruolo importante. Ben presto si cominciò a redigere un regolamento per la sua produzione; il buon inchiostro era un articolo molto ricercato, la cui produzione era particolarmente importante per i monaci, la cui occupazione comprendeva principalmente il lavoro scritto.

Nella "Schedula diversarum artium" di Presbitero Teofilo nel XII secolo, e soprattutto nel "Liber illuministarium" raccolto intorno al 1500 a Tegernsee, troviamo molte istruzioni per la preparazione di inchiostri di ogni tipo.

Nei secoli XVI e XVII, furono soprattutto gli italiani, per lo più medici, a cui si devono i documenti su questo argomento.

Tra loro vanno menzionati Cardanus alerius, Pedemontanus, Porta e Caneparius, quest'ultimo dei quali scrisse un denso libro "De atramentis cuiuscunque generis" (Sugli inchiostri di ogni tipo).

Inoltre, il grande scienziato naturale inglese Robert Boyle ha fornito una grande quantità di informazioni sulle reazioni chimiche che avvengono negli inchiostri, così come Otto Tachenius e Lemery. Padre e figlio, si occupavano anche della chimica dell'inchiostro.

Uno studio sistematico dettagliato degli inchiostri da scrittura fu pubblicato nel 1763 dall'inglese William Lewis, che fu seguito dal francese Ribaucourt nel 1792 con un lavoro altrettanto dettagliato.

La scoperta dell'acido gallico da parte di Scheele e del tannino da parte di Deneur ha fornito importanti intuizioni sulla natura chimica del ferro tannico e gallico che si forma nell'inchiostro di Gallus, che dobbiamo a diversi scienziati naturali tedeschi, inglesi e francesi, così come al grande chimico svedese Berzelius.

Nel 1855, August Leonardi iniziò la produzione dell'inchiostro alizarina, il primo rappresentante del moderno inchiostro ferroso, e dieci anni dopo, gli inchiostri anilina o tintura di catrame apparvero sul mercato come una delle conquiste dovute al potente sviluppo dell'industria della tintura di catrame.

Tuttavia, la durabilità dei documenti ufficiali e la possibilità della loro falsificazione hanno anche ricevuto l'attenzione di ambienti importanti nel XIX secolo.

Nella prima metà del XIX secolo, il governo francese fece condurre ricerche approfondite per ottenere inchiostro e carta che fornissero la massima sicurezza possibile sia contro la caducità dell'età che contro i frequenti tentativi di falsificazione, e verso la fine del secolo, anche il governo prussiano prese provvedimenti per prevenire il deterioramento prematuro dei documenti.

È stato spinto a farlo dai suggerimenti dei circoli di esperti, e il principale contributo è stato dato dallo studio di August Leonardi. In diverse petizioni al Cancelliere del Reich e ad altre autorità competenti del Reich e della Prussia, Leonardi chiese l'introduzione di principi ufficiali per la prova degli inchiostri nell'interesse della durata dei documenti, fece eseguire ai suoi chimici studi dettagliati sulla chimica degli inchiostri secondo principi strettamente scientifici e, sulla base di questi, pubblicò metodi professionali per la prova degli inchiostri per il loro valore documentario.

A questo punto è nato l'inchiostro moderno. Ulteriori sviluppi nella tecnologia della scrittura e soprattutto della stampa hanno spinto i produttori di inchiostro negli anni a sviluppare un liquido altamente ingegnerizzato, la cui evoluzione continua ancora oggi. Oggi, l'inchiostro è prodotto in molti luoghi. Il vero sviluppo dell'inchiostro, tuttavia, rimane nelle mani di poche aziende. Come in tutte le industrie, lo sviluppo è a volte l'area di business più costosa.

Colore del timbro del solvente, resistente all'acqua, giallo
Colore del timbro del solvente, resistente all'acqua, giallo
Gelbe, lasierende Stempelfarbe für glatte, nicht poröse und nicht saugende Untergründe wie Glas, Metall und verschiedene Kunststoffarten
Contenuto:   ( € /  )
Colore del timbro del solvente, resistente all'acqua, rosso
Colore del timbro del solvente, resistente all'acqua, rosso
Rote, lasierende Stempelfarbe für glatte, nicht poröse und nicht saugende Untergründe wie Glas, Metall und verschiedene Kunststoffarten
Contenuto:   ( € /  )
Inchiostro per timbri e tamponi senza olio, Nero -
Inchiostro per timbri e tamponi senza olio, Nero -
Inchiostro Octopus Fluids® per timbri e tamponi per timbri.
Contenuto:   ( € /  )
Inchiostro per timbri e tamponi senza olio, Blu -
Inchiostro per timbri e tamponi senza olio, Blu -
Inchiostro Octopus Fluids® per timbri e tamponi per timbri.
Contenuto:   ( € /  )